ELENCO COMPLETO

ELENCO COMPLETO

AREA SOCI

categorie libri

 

 

 

Libri / Osho: i grandi temi della vita / APRIRSI ALLA VITA


9,00


APRIRSI ALLA VITA

autore: Osho
editore/etichetta: Oscar Mondadori

pagine/durata: 174

disponibilità: R
Per richiedere informazioni o prenotare l'articolo clicca qui



descrizione:


Spunti e intuizioni per immergersi nel sapore della propria natura essenziale.

Un libro denso di insegnamenti di vita, argomenti che raramente vengono affrontati, perchè suscitano paura e pregiudizio.

La vita e la morte sono interconnesse e fanno parte del nostro viaggio interiore. Rifiutare la morte significa avere paura di vivere, e avere paura di vivere ci allontana dalla piena fioritura, dal raggiungimento della consapevolezza suprema.

Aprirsi alla vita diventa quindi un rischio, ma un rischio con un immenso risvolto: tornare finalmente a casa, pienamente risvegliati e rilassati nel proprio essere.


Dal primo capitolo: LA DISTANZA FA LA DIFFERENZA

L’uomo è consapevolezza, consapevolezza continuamente desta. Egli non è colui che sperimenta, ma colui che sa: ecco la realtà. Tuttavia, la nostra condizione mentale non è quella di colui che conosce, bensì quella di colui che fa l’esperienza. Quando colui che conosce è tutt’uno con colui che sperimenta, quando egli non è più cosciente, ma piuttosto si identifica con l’azione stessa; quando non resta un testimone distaccato che osserva ciò che accade da lontano, ma partecipa all’azione, allora avviene l’identificazione, si diventa una cosa sola con l’atto. Questa identificazione impedisce il nostro risveglio, perché per essere svegli e consapevoli è necessaria una distanza, una prospettiva su ciò che accade. Una persona che voglia dimenticare l’infelicità non potrà mai risvegliarsi ed esserne consapevole.

Dal terzo capitolo: IO SONO PRONTO, SE TU LO SEI

Pochissima gente è in grado di riconquistare questo paradiso. Le persone, in genere, vivono in uno stato di "paradiso perduto"; la situazione di "paradiso riguadagnato" accade nella vita di pochissimi.
Tutti noi perdiamo il nostro paradiso, naturalmente, ma non lo ritroviamo più. Se si riesce a diventare come bambini prima della morte, il paradiso ritorna. Se un vecchio riesce a vedere il mondo con l’occhio di un bambino, la pace, la gioia e la beatitudine che discendono su di lui sono al di là di ogni immaginazione.

Dal quarto capitolo: IL RAGGIO DELLA VOLONTA’

Una mente risoluta contiene potenzialità meravigliose. Una mentalità vittimista è più responsabile di una vita di sconfitte di quanto lo siano le circostanze. Il mondo in quanto tale ha poco a che fare con i fallimenti delle persone: il novanta per cento della responsabilità è delle persone stesse. Quando si è pronti al novanta per cento ad andare incontro a un fallimento, sarebbe troppo se il mondo non collaborasse almeno con il dieci per cento… Lo stesso principio si applica a coloro che ottengono un successo dietro l’altro. Chi è sano e chi è sempre malato, chi è sereno e chi è continuamente teso, sono tutti soggetti allo stesso principio. In profondità, tutto ciò che vuoi essere è ciò che diventi. I pensieri diventano oggetti e avvenimenti, creano la tua personalità.
Proprio come il vento, che va e viene senza alcun motivo né significato, o come un filo d’aria che entra nella tua stanza e ne esce, senza alcuna ragione. Un essere il cui andare e venire è immotivato, privo di desideri come il vento, viene definito Tathagata.



Iscriviti alla Newsletter
e-mail:

conferma e-mail:

Registrandoti dichiari di aver letto e accettato le norme sulla privacy