Libri / India, Tibet e Oriente - Mondo di Osho - Meditazioni guidate - Meditazione / IL RISVEGLIO DAL SOGNO

IL RISVEGLIO DAL SOGNO

autore: Annalisa Faliva
editore/etichetta: Tecniche Nuove
pagine/durata: 254 + CD MP3 con med

19,90

D


AGGIUNGI AL CARRELLO

SCONTO DEL 15% per i Soci Oshoba

La Grande Liberazione con gli Insegnamenti del Bardo

In lingua tibetana, “Bardo” significa intervallo, cioè lo stato intermedio tra il completamento di un’esperienza e l’insorgere della successiva. Sospesa tra nascita e morte, tra paradiso e inferno, la vita è un bardo.

Il Bardo Thödöl, il cui significato letterale è "Suprema Liberazione con l'ascolto", noto in occidente come "Il Libro Tibetano dei Morti", è un antichissimo insegnamento della tradizione spirituale tibetana ed è un resoconto molto dettagliato delle esperienze che la coscienza incontrerà dopo la morte.

Ma è anche una rappresentazione di ciò che accade nel nostro quotidiano e costituisce innanzitutto una guida per comprendere come creiamo la nostra realtà in ogni istante e perciò come utilizzare meglio il tempo che abbiamo ora.

Questa versione del Bardo è stata semplificata e resa moderna grazie ai suggerimenti dati da Osho per renderlo comprensibile a tutti, vista la complessità e l'incomprensibilità della versione originale tibetana.

Il CD allegato registrato in formato mp3 - verifica che il tuo lettore CD legga anche questo formato - contiene il processo guidato in italiano del “Bardo”, per un totale di due ore e mezza di trance. In uno stato ricettivo di rilassamento, la mente inconscia memorizzerà il processo, ponendo le basi per una vita - ed una morte - più consapevole e meditativa.

"In Tibet, quando un uomo muore, si ripete un mantra, chiamato Bardo. Nel mantra si dice al morente: 'Rilassati, resta in silenzio. Scendi al tuo centro e resta lì; non lasciarlo, qualsiasi cosa accada al corpo. Sii un semplice testimone. Lascia che accada, non interferire. Ricorda, ricorda, ricorda che sei solo un testimone: quella è la tua vera natura'. Se riesci a morire ricordandolo, la ruota si ferma”. Osho