Libri / Osho: i Sufi / IL VELO IMPALPABILE

IL VELO IMPALPABILE

autore: Osho
editore/etichetta: Urra
pagine/durata: 192

9,00

D


AGGIUNGI AL CARRELLO

Terzo volume dei discorsi di Osho sul mistico sufi Hakim Sanai.

Questo volume completa, dopo

il primo, LO SPECCHIO DEL CUORE

e il secondo SCOLPIRE L'IMMENSO

l’edizione in italiano dei discorsi di Osho su Il Giardino Cintato della Verità del Maestro Sanai.

 

Offerta speciale "Lo Specchio del Cuore" +  "Il Velo Impalpabile"
clicca su OFFERTA 2 LIBRI - SERIE UNIO MYSTICA
 

Offerta speciale "Lo Specchio del Cuore" +  "Il Velo Impalpabile" + "Scolpire l'immenso"
clicca su OFFERTA 3 LIBRI - SERIE UNIO MYSTICA




"Se dovessi salvare solo due libri in tutto il mondo dei mistici, uno verrebbe dallo Zen… l’altro sarebbe il libro di Hakim Sanai, 'Il Giardino Cintato della Verità'. Questo libro racchiude il profumo essenziale della via dell’amore. Hakim Sanai è stato in grado di cogliere l’anima del Sufismo. Libri di questo spessore non sono scritti: nascono. Non sono un prodotto della mente, di un processo mentale, arrivano dall’ignoto. Sono doni. Nascono in maniera misteriosa, allo stesso modo in cui nascono un bambino o un uccello o una rosa". Osho


Dal libro


L’esperienza
La religione non è nulla di astratto; è qualcosa di estremamente concreto, non è una filosofia bensì un’esperienza. Pertanto, coloro che non fanno altro che a pensare a Dio, continuano a lasciarselo sfuggire. Pensare non è il sentiero che conduce a lui, ma l’ostacolo; non il ponte ma il muro. È il pensiero che ti tiene separato.

L’amore
Gesù dice: “Dio è amore”. Viceversa io vi dico: “L’amore è Dio”. Amore è di gran lunga una parola più importante del termine Dio; l’amore possiede un significato esistenziale. La parola Dio è assolutamente vuota; non significa nulla… Eppure entrambe le parole indicano la stessa verità: Amore è il termine usato dai poeti, Dio quello usato dai teologi. Ovviamente, l’intuizione poetica è molto più profonda, la sensibilità del poeta è di gran lunga più raffinata, è molto più sottile di quella del teologo.

Le paure
La mente è il lupo, poiché è generata da ogni sorta di sfruttatori che esistono al mondo: il prete, il pandit, il politico; costoro creano la mente, sono loro a generare paura dentro di te. Vivono sulle tue paure, per tutta la vita resti in uno stato d’angoscia. Creano in te uno stato d’ansia e di preoccupazione: quella è la fonte da cui scaturisce la tua mente.

Il vero
La ricerca del vero presuppone vivere nell’insicurezza, significa vivere senza paura alcuna, poiché noi siamo parte di questa esistenza: non esiste qualcuno di cui aver paura; l’esistenza non è antagonista rispetto a noi, ci protegge.

Le sicurezze
Guardati semplicemente intorno. Osserva le persone, vedi come si muovono: stanno accumulando pattume. In nome del denaro, in nome del sapere, in nome della virtù, la gente sta accumulando ogni sorta di immondizia. E su quella fonda la sua sicurezza: pensa che quell’immondizia la salverà; in realtà, ne verrà travolta fino ad affogarci dentro… Se ti porti dietro un simile bagaglio inutile non saprai mai che cos’è la luce del sole, non conoscerai mai l’esperienza che si vive quando ci si trova sulla vetta, a bisbigliare alle nuvole, vicinissimi alle stelle…

Dove corri?
Tutti sembrano essere nella stessa condizione. Nessuno sa dove sta andando, ma tutti sono in cammino con passo sempre più veloce. La velocità sembra essere l’unica preoccupazione: va’ più veloce che puoi e non chiedere mai dove stai andando, perché quelle sono domande che creano guai, generano ansia.

La grazia
Il Sufismo è il sentiero della grazia. Da parte tua non occorre alcuno sforzo; è sufficiente una ricettività, un’apertura, un cuore amorevole, uno stato di abbandono, un lasciarsi andare; in questo caso, tutto ciò che i presunti yogin non sono in grado di realizzare in milioni di incarnazioni, tu lo realizzi in un singolo istante.
Kanti 24-11-2009

...che dire....lo stò gustando or ora....mentre il Maestro, con questo libro, suona il suo diapason dall'Oceano ....io risuono il silenzio.... Love, Kanti
felice ma non lo so 15-09-2009

Osho è incantevole, profondo, paradisiaco, ma io non posseggo il dono di trasformarmi per vivere la vera vita di cui lui parla. Mi sento bene solo leggendo i suoi libri, poi precipito, come sempre nel mare delle mille paure... ciao